Ti Ho Creduto

Synopsis

“TI HO CREDUTO” nasce dall’idea di dare vita alle parole dell’omonima canzone di Giordana Angi che presenta di per sé un testo molto forte ed impattante, affrontando tematiche attuali e delicate. Il visual è stato progettato per procedere di pari passo con la traccia musicale, in modo tale che lo spettatore possa rafforzare ciò che sente grazie a ciò che vede, con l’aggiunta di alcuni elementi, prettamente simbolici, al fine di creare parallelismi e metafore che ne romanzano il contenuto. Il cortometraggio esprime il dolore di una ragazza di 16 anni che conosce un uomo molto più grande, un amico, o forse qualcosa di più, qualcuno che la salva dalle “botte morali” ricevute a scuola ogni giorno, dalla solitudine che prova a causa delle incomprensioni familiari, fino alla consapevolezza che quella persona che prima sembrava volerle bene, si rivela essere in realtà qualcuno che vuole farle del male, che abusa del suo corpo e della sua incapacità di difendersi. Entra dunque in gioco la fase di realizzazione dell’abuso, il rifiuto del proprio corpo, la disperazione e le lacrime che non permetteranno più alla ragazza di alzarsi la mattina ed accettare il suo essere donna, il continuo incolpare sé stessi e l’incapacità di reagire.

Cast/Crew

Writer(s):
Producer(s):
Director of Photography:
Editor(s):
Animation:
Sound:
Music:
Miscellaneous:

Ti Ho Creduto

Synopsis

“TI HO CREDUTO” nasce dall’idea di dare vita alle parole dell’omonima canzone di Giordana Angi che presenta di per sé un testo molto forte ed impattante, affrontando tematiche attuali e delicate. Il visual è stato progettato per procedere di pari passo con la traccia musicale, in modo tale che lo spettatore possa rafforzare ciò che sente grazie a ciò che vede, con l’aggiunta di alcuni elementi, prettamente simbolici, al fine di creare parallelismi e metafore che ne romanzano il contenuto. Il cortometraggio esprime il dolore di una ragazza di 16 anni che conosce un uomo molto più grande, un amico, o forse qualcosa di più, qualcuno che la salva dalle “botte morali” ricevute a scuola ogni giorno, dalla solitudine che prova a causa delle incomprensioni familiari, fino alla consapevolezza che quella persona che prima sembrava volerle bene, si rivela essere in realtà qualcuno che vuole farle del male, che abusa del suo corpo e della sua incapacità di difendersi. Entra dunque in gioco la fase di realizzazione dell’abuso, il rifiuto del proprio corpo, la disperazione e le lacrime che non permetteranno più alla ragazza di alzarsi la mattina ed accettare il suo essere donna, il continuo incolpare sé stessi e l’incapacità di reagire.
Ti Ho Creduto

Cast/Crew

Writer(s):
Producer(s):
Director of Photography:
Editor(s):
Animation:
Sound:
Music:
Miscellaneous:

Coming Soon

From the 1st of November, only registered members will be able to watch and like content on Think Shorts.

Registration will be publically available from this date.